Nardin

RC Giorgia Nardin: All dressed up with nowhere to go

Giorgia Nardin è in residenza creativa presso Villa Nappi con All dressed up with nowhere to go dal 26 al 31 gennaio. Prima opera coreografica per più danzatori, All dressed up with nowhere to go è il punto di partenza per l’idea di tragitto e per quelle trasformazioni che un ambiente ed un corpo subiscono durante un percorso. Nardin crea una scrittura coreografica che vuole cogliere le trasformazioni del movimento e le contraddizioni a esso insite. La coreografia diventa una mappa che traccia l’itinerario da seguire. A partire da una gestualità quotidiana il corpo è libero di deviare verso territori inesplorati disegnando nuovi paesaggi da attraversare ma senza conoscere mai il suo punto di arrivo.

Il corpo rivela ciò che resta della transizione, è pura pelle, fremente e pulsante, sotto la quale lo sguardo dello spettatore scruta il disegnarsi del cambiamento.

All Dressed Up With Nowhere To Go vuole indagare il momento della transizione, ricercando lo stato necessario per intraprendere un percorso in costante divenire.

Il disegno coreografico diventa la mappa che traccia l’itinerario da seguire, da cui si è liberi di deviare, definisce i paesaggi da attraversare ma non la linea d’arrivo.

Quando la volontà è quella di sviscerare i momenti di transizione, il corpo può solo rivelare ciò che resta di essi.

Rimanendo esposti, sospesi e aperti, questi corpi offrono agli occhi di chi guarda l’essenza di questo cambiamento, che pulsa sotto pelle.

Di Giorgia Nardin

Con Amy Bell, Marco D’Agostin, Giorgia Nardin

Editing musicale e ambienti sonori Luca Scapellato

Disegno luci Matteo Fantoni

progetto sostenuto da CSC – Bassano del Grappa, Graner/Mercate de les Flors – Barcelona, Teatro Villa dei Leoni – La Piccionaia/ I Carrara

progetto sviluppato nell’ambito di ChoreoRoam Europe 2012

We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website.
Ok